slovensko   english  
 

pubblicazioni

16/09/2017

Trieste Plurale - pieghevole informativo e pagina Facebook

Pubblicato dal Gruppo 85 un pieghevole con una rassegna degli eventi culturali più significativi delle diverse comunità storicamente presenti a Trieste. Ulteriori aggiornamenti sull'omonima pagina Facebook.


L'idea nasce dalla collaborazione tra le numerose comunità di lingua e religione diversa storicamente presenti a Trieste, dalle due più antiche - sloveni ed ebrei - a quelle giunte con l'emporio di Maria Teresa fino alle soglie del XX secolo.

Nella seconda edizione di Slofest, Festival della cultura slovena  in Italia (2015), una tavola rotonda aveva visto le comunità confrontarsi sulla realtà presente, cercando di sfruttare l'antica capacità di integrare culture differenti per affrontare il nuovo fenomeno migratorio contemporaneo.

Da quel confronto, l''idea di costruire insieme eventi. Il calendario proposto da Trieste Plurale è il primo frutto, ed è stato presentato quest'anno a Slofest, nel corso della sua terza edizione. A questo primo risultato confidiamo seguiranno presto altri.

Trieste Plurale è anche una pagina Facebook, che aggiorna sugli eventi promossi dalle diverse comunità.
Riproponiamo qui la presentazione.

Trieste emporiale, nata e cresciuta grazie alla lungimiranza e all'apertura dei suoi sovrani settecenteschi – Carlo VI, Maria Teresa, Giuseppe II – da allora e fino alla Grande Guerra diventa polo di attrazione delle più diverse genti: serbi, croati e greci; armeni, islamici, luterani, elvetici, valdesi, metodisti, avventisti si aggiungono a ebrei e sloveni già presenti in città dal più lontano medioevo. Lingue, culture, religioni, tradizioni, musiche, cibi e colori approdano a Trieste mescolandosi tra loro e dando origine ad un crogiolo culturale manifesto del cosmopolitismo illuminista che domina l'Europa. Commercio, navigazione, traffici, assicurazioni, cultura, finanza, banche, arte, architettura risentono di un clima fervido e aperto, e conferiscono, soprattutto al centro di Trieste, un aspetto maestoso e arioso al contempo. Gli eredi dei gruppi più antichi, dei pionieri settecenteschi e dei successivi arrivi proseguono ancor oggi la vita delle comunità, ricordando gli eventi della propria storia, mantenendo vive lingue, culture e riti religiosi, festività ecclesiastiche e civili. Comunità vive, sfaccettate e a tutto tondo, lontane da immagini stereotipate e folcloriche, partecipi della vita cittadina, a dimostrazione della buona prassi dell'inclusione e della collaborazione tra radici diverse.

indietro