slovensko   english  
 

news

16/09/2009

Trieste, 16 settembre - Largo Tomizza

A due passi dal Giardino Pubblico ...

 

Largo Giardino, lo spiazzo all'altezza della sommitą del Giardino Pubblico di Trieste, dove la via Cologna si diparte a sinistra della via Giulia, č diventato ieri Largo Tomizza, dopo l'intitolazione voluta dal Comune di Trieste a dieci anni dalla scomparsa dello scrittore.

 

Come ha ricordato Laura Levi Tomizza, vedova dello scrittore, la vita triestina di Fulvio Tomizza si č svolta tutta nei pressi di questo slargo. Giunto a Trieste dall'Istria ha frequentato la casa dei Levi, in via Giulia 21, dove ha anche vissuto e corretto le bozze di Materada prima di sottoporle alla lettura di Elio Vittorini. Una volta sposato, ha vissuto fino all'ultimo giorno nella casa di via Giulia 3. Tutto nell'arco di una fermata di autobus.

 

Dalle sue finestre Tomizza ammirava il Giardino Pubblico, ne osservava i cambiamenti di stagione in stagione, ne traeva ispirazione. E il Giardino Pubblico č menzionato in diverse sue opere.

 

Il tramonto si rifletteva sui vetri dei piani alti di via Battisti, indorava le foglie dei platani del Giardino Pubblico e pareva incendiare intere ville e cascine sulle pendici del Carso. le due file di lecci lungo la via tremolavano al borino serale che c'investiva in pieno viso. Una mano posata sul suo fianco, credevo ora di sentirne la pella rabbrividita.

(Fulvio Tomizza, L'amicizia, Rizzoli 1980, pag 108)

 

La casa č la stessa, l'ultimo piano di un palazzo dei primi del Novecento davanti al Giardino Pubblico ...

... oppure mi affaccio alla finestra e scorgo gli stessi platani risparmiati dal Lloyd austriaco nel costruire per i propri  dipendenti questo nuovo quartiere.

(Fulvio Tomizza, La cittą di Miriam, Rizzoli 1983, pag. 16-17)

 

Il gatto di mia figlia si chiama Martino, Lo trovņ piccolo e solo in un mattino di novembre, che tremava dal freddo sotto una panchina del Giardino Pubblico.

(Fulvio Tomizza, Il gatto Martino, Giunti Junior 2001, pag. 4 - prima edizione Lisciani e Giunti 1994)

 

 

 

 

indietro